Gli Alpini

Gli Alpini

Gruppo Alpini Possagno
Era il lontano 1929 quando alcuni alpini reduci della prima guerra mondiale costituirono formalmente il Gruppo Alpini di Possagno. Purtroppo sono tutti andati avanti.

Il Gruppo si è subito organizzato tenendo regolari incontri dapprima in sedi provvisorie, e dal 1986 in poi in una sede concessa in uso gratuito in Piazzetta S.Pio X dai Padri Cavanis.
I capigruppo succedutisi nel corso di questi 76 anni sono: Andreatta Arnaldo dal 1929 a 1939, Perisello Giuseppe dal 1939 a 1946, Biron Luigi dal 1946 al 1952 Rossi Giulio dal 1952 al 1957, Andreatta Ferruccio dal 1957 al 1965, Zulian Aldo dal 1965 al 1968, Da Paoli Aldo dal 1968 al 1971, Cunial Lorenzo Antonio dal 1971 al 1974, Codemo GianAntonio dal 1974 al 1978, ancora De Paoli Aldo dal 1978 al 1980, Cunial Lorenzo Antonio dal 1980 al 1982 (il vecio del gruppo classe 1911 (94 anni) ancora presente), Dal Broi Francesco dal 1982 al 1994, Manera Danilo dal 1994 al 2000, Favero Sebastiano dal 2000 e successivamente Perisello Ivano.

Durante questi 76 anni il Gruppo ha effettuato numerosi interventi ed ha partecipato con costanza alle varie manifestazioni alpine in modo parti colare alle annuali adunate Nazionali.
I principali interventi nel corso degl’ultimi dieci anni sono stati:

  • 1995 – Alcuni volontari presenti a Roschosh (Russia) per lavori di completamento esterni dell’asilo Sorriso
  • 1996 – Intervento di protezione su particolari punti di pericolo della strada degli alpini affidati in manutenzione dal Comune al locale Gruppo A.N.A. dal 1979 con posa di ringhiera e gard-reyl
  • 1997 – Atto di donazione al Comune di Possagno del rifugio sul M. Palon e dei terreni circostanti con convenzione di affido al Gruppo Alpini di Possagno della gestione per 50 anni.
  • 1998 – Organizzazione del ritrovo nazionale dei volontari dellOperazione Sorriso (Rossosh-Russia) in occasione dei cinque anni dal suo completamento e ripasso copertura del complesso di San Rocco a Possagno.
  • 2000 – Ad Aosta con alcuni volontari in occasione della alluvione, pulizia Tempio Canoviano e contributo per autoambulanza Pedemontana.
  • 2001 – Riconoscimento speciale ai 5 soci ultranovantenni : Biron Benedetto (1911) Manera Giovanni (1910), Cunial Lorenzo Antonio (1911) Cunial Ernesto (1911), Groppo Marco (1911).
  • 2002 – Organizzazione a possano del raduno nazionale dei volontari dell’Operazione Sorriso per la costruzione dellasilo a Roschosh (Russia), nel decennale, con la partecipazione dei presidenti nazionali Caprioli e Parazzini oltre a gran parte dei volontari alpini pervenuti da tutta Italia e collocazione pennone presso monumento ai Caduti a Possagno.
  • 2003 – Avvio dei lavori di recupero delle trincee, appostamenti e gallerie sul M. Palon con oltre 5.000 ore di lavoro volontario.
  • In settembre ancora volontari del gruppo a Roschosh (Russia) per la realizzazione di una piazzetta con monumento ricordo nel parco antistante l’asilo Sorriso; partecipazione al decennale.
  • 2004 – Completamento dei lavori di recupero trincee, appostamenti e gallerie sul M. Palon per complessive 12.000 ore di volontariato. Qui un grande grazie anche agli Sponsor indistintamente e, in modo speciale ai volontari del Gruppo.
  • Firma della convenzione da parte della Sezione Monte Grappa con il Comune di Possagno per la costituzione del nucleo di Protezione Civile Comunale garantito dal Gruppo Alpini di Possagno che per l’occasione ha ristrutturato ed ampliato il proprio nucleo (oltre 60 iscritti) nominandone i responsabili e il segretario.
  • A settembre manifestazione per il 75° di fondazione del Gruppo e sfilata conclusiva con la presenza dei muli, dei bersaglieri in bicicletta e degli amici austriaci della Croce Nera della Stiria tutti con equipaggiamenti e divise della prima guerra mondiale.
  • 2005 – Lavori di ampliamento, consolidamento e manutenzione delle trincee sul M. Palon (oltre 4000 ore), con collocazione all’inizio del percorso verso il rifugio, di un Alpino a grandezza naturale con uniforme ed equipaggiamento della prima guerra mondiale realizzato dall’alpino Scariot di Quero utilizzando e saldando tra loro schegge di granata e frammenti in ferro della guerra 1915-1918, raccolti sul Massiccio del Grappa in molti anni di paziente ricerca.
  • Tre soci del Gruppo hanno partecipato al primo turno (ottobre 2005) all’operazione Mozambico, avviata dalla sede nazionale A.N.A.

Molto è stato fatto in oltre 75 anni e qui ci si è limitati a percorrere l’ultimo decennio, ma gli alpini come sempre guardano avanti e perciò essi si propongono di fare sempre più in futuro, soprattutto nel campo della solidarietà e della protezione civile al servizio di chi ha bisogno, nello spirito alpino che sempre contraddistingue chi è abituato a fare più che a parlare.

Il Gruppo ha una consistenza attuale di 230 soci tra alpini ed amici degli alpini. A tutti loro va il più sincero ringraziamento, con un ricordo particolare a quelli che in questi anni sono andati avanti.